Biotech.com Newsletter

Le ultime notizie dal mondo delle biotecnologie italiane

N.1_2018/ BIOTECH NEWSLETTER

10 gen, 2018

RED BIOTECH


Scoperti biomarcatori dell’obesità infantile nell'urina
Per la prima volta si è messo in evidenza che nelle urine di bambini sovrappeso o obesi il profilo dei composti organici volatili (Vocs), prodotti nei normali processi metabolici dal nostro organismo, è significativamente differente, dal punto di vista qualitativo, da quello di bambini normopeso: alcuni composti presenti potrebbero quindi ricoprire il ruolo di biomarcatori metabolici dell’obesità infantile e delle relative complicanze. Un significativo contributo a questa scoperta viene dall’Istituto di scienze dell’alimentazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Isa-Cnr) di Avellino con un lavoro pubblicato su Scientific Reports, rivista del gruppo Nature. Per maggiori informazioni: http://www.isa.cnr.it/web/?p=6078&lang=it


Raccolte per la prima volta le mutazioni genetiche alla base della tubercolosi farmaco-resistente
È stato elaborato un elenco di mutazioni genetiche che permettono al principale batterio responsabile della tubercolosi di sopravvivere nonostante il trattamento con farmaci antibiotici. Al lavoro, pubblicato sulla rivista scientifica European Respiratory Journal, ha contribuito come unico centro italiano l’IRCCS Ospedale San Raffaele. Lo studio, che ha visto la collaborazione di trenta centri internazionali, è stato finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation. Per maggiori informazioni: http://www.hsr.it/press-releases/raccolte-per-la-prima-volta-le-mutazioni-genetiche-alla-base-della-tubercolosi-farmaco-resistente/


Parkinson: individuata alterazione nella fase iniziale della malattia
Un team coordinato da Elvira De Leonibus di Igb-Cnr e Istituto Telethon, ha scoperto un nuovo meccanismo di memoria cellulare attivato dall’apprendimento motorio, che viene alterato nelle fasi iniziali della malattia di Parkinson. “Oggi – spiega De Leonibus - sappiamo che l’aumento nella produzione della proteina alfa-sinucleina può da sola portare allo sviluppo della malattia. Questi risultati identificano per la prima volta una manifestazione clinica molto precoce nell’apprendimento motorio che precede la morte dei neuroni nella malattia di Parkinson. È quindi un campanello d’allarme utile per la diagnosi precoce e per lo sviluppo di nuove terapie che, se somministrate subito, possono prevenire o rallentare la morte dei neuroni”. Il lavoro, finanziato dalla Fondazione con il Sud e dal Miur, è stato pubblicato sulla rivista Brain. Per maggiori informazioni: https://www.cnr.it/it/comunicato-stampa/7855/parkinson-individuata-alterazione-nella-fase-iniziale-della-malattia

WHITE BIOTECH

Ricercatore del CNR selezionato per 'Make our planet great again'
Il progetto TRAINER (CaTalysts foR TrAnsItion to ReNewable Energy FutuRe), presentato da Giuliano Giambastiani dell’Iccom-Cnr di Firenze, è risultato tra i 18 progetti di alto profilo scientifico selezionati e ammessi a finanziamento per un importo di 1,5M € ciascuno, per l'iniziativa del governo francese 'Make our planet great again'. La tecnologia dei catalizzatori di TRAINER punta ad offrire soluzioni innovative ed efficienti in processi chiave quali la produzione di H2 dall'elettrolisi dell'acqua, la produzione di idrocarburi a partire da biomasse ricche di ossigeno (idrodeossigenazione - HDO) e la valorizzazione della CO2 attraverso la sua conversione elettrochimica in vettori energetici e prodotti chimici di più alto valore aggiunto. Per maggiori informazioni: https://www.cnr.it/en/news/7849/giuliano-giambastiani-tra-i-ricercatori-selezionati-per-make-our-planet-great-again

GREEN BIOTECH 

Un “orto marziano” made in Italy per future missioni sul Pianeta rosso
Parla italiano l’orto “marziano” per la missione internazionale Amadee‐18 che vedrà 5 astronauti impegnati per quattro settimane a febbraio in Oman a preparare future missioni su Marte. Realizzato da ASI, ENEA e Università di Milano nell’ambito dell’esperimento di biologia delle piante HortExtreme, l’orto consiste in un sistema a contenimento di 4 m2 dove vengono coltivate quattro specie di microverdure, tra cui il cavolo rosso e il radicchio, appositamente selezionate perché completano il loro ciclo vitale in circa 15 giorni e garantiscono un corretto apporto nutrizionale ai membri dell’equipaggio “marziano”. Per maggiori informazioni: https://www.interris.it/universo/il-primo-orto-marziano-made-in-italy

La ricerca del Triveneto unita per una viticoltura più sostenibile 
Rinnovo della piattaforma varietale e del miglioramento delle tecniche di coltivazione della vite, con l’obiettivo primario di migliorare la sostenibilità della viticoltura dal punto di vista ambientale, economico e sociale. È questo l’obiettivo dell’accordo sottoscritto dalle Università degli studi di Padova, Verona e Udine, la Libera Università di Bolzano, l’IGA Udine, la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige e il CREA Viticoltura ed Enologia di Conegliano. Dieci anni dopo l’importante risultato ottenuto dalla ricerca italiana con il sequenziamento del genoma della vite, questo accordo rappresenta un’altra pietra miliare su cui costruire il futuro della viticoltura. Per maggiori informazioni: http://www.crea.gov.it/sottoscritto-a-pordenone-un-protocollo-tra-sette-universita-ed-enti-di-ricerca-viticoltura-4-0-la-ricerca-del-triveneto-unita-per-una-viticoltura-piu-sostenibile/