Biotech.com Newsletter

Le ultime notizie dal mondo delle biotecnologie italiane

N.4_2018/ BIOTECH NEWSLETTER

19 apr, 2018

BIOTECH

Una simulazione svela l'origine delle prime molecole biologiche
Ricercatori dell’Istituto per i processi chimico-fisici (Ipcf) del Cnr di Messina hanno riprodotto, mediante avanzate tecniche numeriche, il processo chimico che potrebbe aver determinato la sintesi primordiale dell’eritrosio, precursore del ribosio, lo zucchero che compone l’RNA, facendo così luce sull'origine delle prime molecole biologiche e quindi sull’inizio della vita sulla Terra. I risultati sono stati pubblicati su Chemical Communications della Royal Society of Chemistry, in collaborazione con l’Accademia delle scienze della Repubblica Ceca di Brno e la Sorbona di Parigi. Per maggiori informazioni: https://www.cnr.it/it/comunicato-stampa/8026/una-simulazione-svela-l-origine-delle-prime-molecole-biologiche

RED BIOTECH

La sindrome di Pans/Pandas associata all'alterazione del microbiota intestinale
Esiste una correlazione tra la sindrome di Pans/Pandas e alcune alterazioni specifiche del microbiota intestinale. Lo dimostra per la prima volta lo studio italiano Quagliariello et al. 2018, pubblicato dalla rivista Frontiers in Microbiology, del gruppo Nature, realizzato dall'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con i ricercatori del Policlinico Agostino Gemelli e della Sapienza. I trilioni di batteri presenti nell’intestino - il cosiddetto microbiota - agiscono come una vera e propria centrale biochimica per l’intero organismo. Questo “reattore” trasforma le molecole che derivano dalle sostanze nutritive, per produrre energia e regolare l’immunità della mucosa intestinale e l’equilibrio delle popolazioni microbiche che agiscono da barriera nei confronti degli agenti patogeni. Pertanto, le attività biochimiche del microbiota influenzano fortemente tutti i distretti dell’organismo. Alcuni studi hanno dimostrato che il microbiota influenza non solo l’omeostasi intestinale ma anche quella extra-intestinale, agendo sul comportamento e sulle attività del cervello lungo l’asse cervello-intestino. Per maggiori informazioni: https://www.uniroma1.it/it/notizia/la-sindrome-di-panspandas-associata-allalterazione-del-microbiota-intestinale

Distrofia di Duchenne, un gene artificiale apre la strada a nuove terapie
Progettati nuovi geni artificiali 'immuno-mimetici' in grado di favorire il recupero muscolare. I risultati dello studio, condotto dal Cnr (Istituti di biologia e patologia molecolare e di biologia cellulare e neurobiologia), sono stati pubblicati su BBA Molecular Basis of Disease. Si chiama Jazz-Zif1 (JZif1) il nuovo gene artificiale capace di aumentare i livelli di utrofina, una proteina in grado di supplire parzialmente l’assenza o il mal funzionamento della distrofina, causa di una delle malattie genetiche più difficili da trattare, la Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD). A descriverne l'azione terapeutica, uno studio condotto dagli Istituti di biologia e patologia molecolare (Ibpm) e di biologia cellulare e neurobiologia (Ibcn) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Roma, dal titolo “Utrophin up-regulation by artificial transcription factors induces muscle rescue and impacts the neuromuscular junction in mdx mice”. Il lavoro è stato pubblicato su BBA Molecular Basis of Disease. Per maggiori informazioni: https://www.cnr.it/it/comunicato-stampa/8019/distrofia-di-duchenne-un-gene-artificiale-apre-la-strada-a-nuove-terapie

GREEN BIOTECH

Frumento toscano, i vecchi genotipi inducono un miglioramento delle proprietà nutraceutiche dei prodotti sulle nostre tavole: i risultati del progetto TuSCANA
Le vecchie varietà locali di frumento tenero iscritte al repertorio di conservazione della Regione Toscana presentano caratteristiche nutrizionali superiori rispetto alle varietà moderne e, addirittura, sono caratterizzate da aspetti nutraceutici di sicuro interesse, grazie a minerali e oligoelementi che garantiscono il mantenimento di un buono stato di salute complessivo. La conferma è arrivata da un recente studio eseguito presso la Scuola Superiore Sant’Anna dal gruppo “Plant-soil interactions” dell’Istituto di Scienze della Vita, che ha dimostrato come vecchi genotipi (ovvero l’insieme dei geni che compongono il DNA) di frumento inducano la produzione di una pianta non soltanto più ricca del 40% in ferro e zinco rispetto alle varietà moderne, ma vantino anche un contenuto in polifenoli e flavonoidi totali e in acido lipoico in media superiori. Questi composti possono essere in grado di attivare sistemi di protezione contro l’accumulo di composti dannosi per la salute umana svolgendo funzioni antitumorali, antinfiammatorie, immunosoppressive, cardiovascolari, antiossidanti e antivirali.
Per maggiori informazioni: http://www.santannapisa.it/it/news/frumento-toscano-i-vecchi-genotipi-migliorano-le-proprieta-nutraceutiche-dei-prodotti-sulle

APPUNTAMENTI

Il 16 maggio a Roma Assemblea annuale Assobiotec
Mercoledì 16 maggio a Roma presso l'Hotel Nazionale si terrà l'Assemblea Assobiotec 2018. “Il futuro è già qui. Siamo pronti ad accoglierlo?” è il tema al centro del dibattito. Insieme ai protagonisti delle ultime innovazioni biotech, le istituzioni e la ricerca pubblica cercheremo di capire come trovare nuovi modelli di sostenibilità a supporto dell'innovazione. Per maggiori informazioni: http://assobiotec.federchimica.it/eventi/eventi-associativi/2018/05/16/default-calendar/assemblea-pubblica-assobiotec-2018
Per partecipare è necessario inviare la propria richiesta all’indirizzo e-mail: assobiotec@federchimica.it

Torna la European Biotech Week, aperta la possibilità di adesione
Dal 24 al 30 settembre 2018 torna la European Biotech Week, una settimana di eventi e manifestazioni in tutta Europa per raccontare le biotecnologie e il ruolo chiave che hanno nella vita quotidiana di tutti noi. L'iniziativa, coordinata e promossa a livello nazionale da Assobiotec, prevede l'alternarsi, lungo tutto lo stivale, di una serie di appuntamenti: laboratori educativi, seminari, dibattiti pubblici, spettacoli, playdecide e porte aperte che offriranno la rara occasione di scoprire in prima persona il ruolo straordinario di queste tecnologie, leva strategica di sviluppo in tanti campi industriali e risposta concreta ad esigenze sempre più urgenti a livello di salute pubblica, cura dell'ambiente, agricoltura e alimentazione. Università, aziende, istituzioni, scuole, centri di ricerca, musei, parchi scientifici, fondazioni sono chiamate a partecipare all’evento, contribuendo alla realizzazione di un calendario ricco di iniziative. Per maggiori informazioni sulla manifestazione e per scaricare il modulo di adesione: http://bit.ly/2GL8G8B.