IN PRIMO PIANO - Sicurezza alimentare, la proposta di EuropaBio

IN PRIMO PIANO - Sicurezza alimentare, la proposta di EuropaBio

31 agosto 2018 - Proposta della Commissione europea relativa alla trasparenza e alla sostenibilità della valutazione del rischio dell’UE nella filiera alimentare. Il riepilogo della posizione di EuropaBio, l'Associazione Europea delle Bioindustrie.

La riforma della legislazione che l'Unione Europea ha introdotto nel 2002 ha comportato importanti mutamenti nella valutazione della sicurezza di alimenti e mangimi, tanto da poter affermare che, senza dubbio, il sistema europeo è il più scrupoloso, complesso e severo a livello globale. La Commissione Europea si accinge ora a rivedere la normativa, nella prospettiva di aumentare la fiducia del pubblico nel processo di valutazione e nella sua trasparenza.

Obbiettivi pienamente condivisi dall'associazione europea delle imprese biotecnologiche, Europabio, che ha recentemente reso pubblica la sua posizione sul tema.

Europabio ribadisce la fiducia nel sistema di valutazione, suggerendo che l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare venga ulteriormente rafforzata nel suo staff operativo, ma anche che venga assicurata la massima trasparenza per quanto riguarda i criteri di valutazione e che si prenda esempio dall'esperienza positiva rappresentata dall'agenzia Europea per i Medicinali (EMA) per rendere più efficienti  e rapide le procedure.
Infine Europabio ribadisce come un approccio alla comunicazione che sia più comprensibile al pubblico possa essere di contrasto a tanta cattiva informazione che oggi circola sul tema della sicurezza alimentare.

Alleghiamo il testo completo della posizione di Europabio: Riepilogo posizione EuropaBio sulla proposta della Commissione europea relativa alla trasparenza e alla sostenibilità della valutazione del rischio dell’UE nella filiera alimentare

Dove siamo

20149 Milano
Via Giovanni da Procida, 11
Visualizza mappa 
Tel. +39 02.34565.1
Fax. +39 02.34565.310
Segreteria Assobiotec
Tel. 02 34565.383
assobiotec@federchimica.it