Nuove tecnologie genetiche in agricoltura: Centri e Istituti di ricerca europei e SAM in prima fila per difendere l'innovazione in agricoltura

Nuove tecnologie genetiche in agricoltura: Centri e Istituti di ricerca europei e SAM in prima fila per difendere l'innovazione in agricoltura

16 novembre 2018 - Diverse le voci del mondo scientifico europeo che in queste ultime settimane si sono unite per lanciare appelli a difesa e salvaguardia dell'l'innovazione nel settore agricolo.

Prima l'appello ai policy maker fatto da oltre 85 centri di ricerca e istituti europei affinchè venga difesa e salvaguardata l'innovazione nel settore agricolo (Per maggiori informazioni sull'appello clicca qui

Poi lo scorso 12 novembre la dichiarazione del SAM (Scientific Advisory Mechanism - organismo che offre consulenza scientifica alla Commissione Europea) che auspica che la direttiva sugli organismi geneticamente modificati sia aggiornata per adeguarsi all'attuale sviluppo della genetica, specialmente quando si tratta di editing genetico. (Lo stesso organismo aveva pubblicato nel 2017 un esteso testo descrittivo delle nuove tecnologie genetiche - “New techniques in Agricultural Biotechnology”).

Sono diverse le realtà del mondo scientifico europeo che in queste ultime settimane si unite a difesa e salvaguardia dell'innovazione in agricoltura

Se l'iniziativa degli 85 centri e istituti di ricerca europei nasceva in risposta alla recente sentenza della Corte di giustizia europea sulle moderne tecniche di genome editing - una decisione che potrebbe, de facto, portare ad un divieto di utilizzo di metodi innovativi di colture e privare dunque gli agricoltori europei di una nuova generazione di varietà vegetali più resistenti alle avversità climatiche e più nutrienti - l'appello del Consiglio scientifico della commissione europea parte, invece, dalla normativa sugli organismi geneticamente modificati affermando che questa dovrebbe  "riflettere le attuali conoscenze e le evidenze scientifiche, in particolare sull'editing genetico e sulle tecniche consolidate di modificazione genetica" e inoltre “migliorare la legislazione sugli OGM dell'UE in modo che sia chiara, basata sull’evidenza, attuabile, proporzionata e abbastanza flessibile a fronte degli avanzamenti futuri della scienza e della tecnologia in quest’area". 
 
La presa di posizione del SAM è stata ripresa dal  Commissario europeo per la salute e la politica dei consumatori Vytenis Andriukaitis, secondo il quale “L'UE è un campione dei più alti standard di sicurezza alimentare. Come scienziato, personalmente, vedo un grande merito nel tenere il passo con le innovazioni in modo che la società possa beneficiare della nuova scienza e tecnologia”.

Il Commissario europeo per la Ricerca, l'Innovazione e la Scienza, Carlos Moedas, da parte sua ha affermato “L’editing genetico è una tecnologia decisiva con un enorme potenziale per tutelare salute e ambiente”.

Per maggiori informazioni:

Il testo della dichiarazione:

https://ec.europa.eu/info/sites/info/files/2018_11_gcsa_statement_gene_editing_2.pdf

Il comunicato della Commissione:

https://ec.europa.eu/info/news/commissions-chief-scientific-advisors-publish-statement-regulation-gene-editing-2018-nov-13_en

La nota esplicativa “New techniques in Agricultural Biotechnology”.

https://ec.europa.eu/research/sam/pdf/topics/explanatory_note_new_techniques_agricultural_biotechnology.pdf#view=fit&pagemode=none






Dove siamo

20149 Milano
Via Giovanni da Procida, 11
Visualizza mappa 
Tel. +39 02.34565.1
Fax. +39 02.34565.310
Segreteria Assobiotec
Tel. 02 34565.383
assobiotec@federchimica.it